MITTITE RETE ET INVENIETIS

Dopo questi fatti, Gesù si manifestò di nuovo ai discepoli sul mare di Tiberiade. E si manifestò così: si trovavano insieme Simon Pietro, Tommaso detto Didimo, Natanaele di Cana di Galilea, i figli di Zebedeo e altri due discepoli. Disse loro Simon Pietro: "Io vado a pescare". Gli dissero: " Veniamo anche noi con te". Allora uscirono e salirono sulla barca; ma quella notte non presero nulla.
Quando era già l'alba, Gesù stette sulla riva, ma i discepoli non si erano accorti che era Gesù. Gesù disse loro: " Figlioli, non avete nulla da mangiare?" Gli risposero: "No". Allora egli disse loro: " Gettate la rete dalla parte destra della barca e troverete". La gettarono e non riuscivano più a tirarla su per la grande quantità di pesci. Allora quel discepolo che Gesù amava disse:" E' il Signore!". (Gv 21, 1-7)

post scorrevoli

venerdì 3 febbraio 2012

Il dono di Maria

La presentazione di Gesù al tempio ha come protagonista la Vergine Maria. Il suo gesto ha una valenza universale: ella dona al mondo il suo Gesù. Lo dona al mondo attraverso le braccia del vecchio Simeone. Lei, la madre per eccellenza, dona il suo unico Figlio con la generosità che attinge dal cuore di Dio! Maria sa che il bambino non appartiene solo a lei, sa che è suo compito donarlo all'umanità della quale è diventata madre.

2 commenti:

  1. Oggi sono stata a trovare le mie Suorine del Cottolengo di Biella e mi hanno dato questa bella preghiera.

    O Gesù, oggi per le mani di Maria, desidero offrirmi insieme con te all'Eterno Padre, ma Tu sei Ostia Purissima, Santa, Immacolata, mentre io sono pieno di macchie, di miserie, di peccato.
    O Madre mia Maria, Tu che, pur essendo esente da ogni ombra d' imperfezione, hai voluto essere purificata, purifica, te ne prego, la povera anima mia, perchè sia meno indegna di essere offerta al Padre insieme col suo e tuo Gesù. O Vergine purissima, indroducimi nella via di una seria e profonda purificazione, e poi accompagnami Tu stessa, affinchè la mia pusillanimità non venga meno per l'asprezza del cammino.

    Monastero Cottolenghino Janua Coeli- Biella-

    Adriana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissima e preziosa preghiera, grazie!

      Elimina