MITTITE RETE ET INVENIETIS

Dopo questi fatti, Gesù si manifestò di nuovo ai discepoli sul mare di Tiberiade. E si manifestò così: si trovavano insieme Simon Pietro, Tommaso detto Didimo, Natanaele di Cana di Galilea, i figli di Zebedeo e altri due discepoli. Disse loro Simon Pietro: "Io vado a pescare". Gli dissero: " Veniamo anche noi con te". Allora uscirono e salirono sulla barca; ma quella notte non presero nulla.
Quando era già l'alba, Gesù stette sulla riva, ma i discepoli non si erano accorti che era Gesù. Gesù disse loro: " Figlioli, non avete nulla da mangiare?" Gli risposero: "No". Allora egli disse loro: " Gettate la rete dalla parte destra della barca e troverete". La gettarono e non riuscivano più a tirarla su per la grande quantità di pesci. Allora quel discepolo che Gesù amava disse:" E' il Signore!". (Gv 21, 1-7)

post scorrevoli

giovedì 26 luglio 2012

Santi Gioacchino ed Anna


Sono i genitori della Vergine Maria. La Santa Chiesa li onora come sposi santi e benedetti per aver concepito e dato al mondo colei che sarebbe diventata la Madre di Dio. Di loro le Sacre Scritture non parlano ma un'antica tradizione che risale al II sec. d.C. ci tramanda i loro nomi. Di loro ha scritto San Giovanni Damasceno: 'O felice coppia, Gioacchino ed Anna! A voi è debitrice ogni creatura, perchè per voi la creatura ha offerto al Creatore il dono più gradito, ossia quella casta madre, che sola era degna del creatore. O Gioacchino ed Anna, coppia beata, veramente senza macchia! Dal frutto del vostro seno voi siete conosciuti, come una volta disse il Signore : 'Li conoscerete dai loro frutti' (Mt 7,16 ). Voi informaste la condotta della vostra vita in modo gradito a Dio e degno di colei che da voi nacque. O Gioacchino ed Anna, coppia castissima! Voi, conservando la castità prescritta dalla legge naturale, avete conseguito, per divina virtù, ciò che supera la natura : avete donato al mondo la madre di Dio che non conobbe uomo. Voi, conducendo una vita pia e santa nella condizione umana, avete dato alla luce una figlia più grande degli angeli ed ora regina degli angeli stessi. O vergine bellissima e dolcissima! O figlia di Adamo e madre di Dio. Beato il seno che ti ha dato la vita! Beate le braccia che ti strinsero e le labbra che ti impressero casti baci, quelle dei tuoi soli genitori, cosicchè tu conservassi in tutto la verginità!

2 commenti:

  1. Martina lee mi entrada "La llave" en mi blog "Una parte de mi" y tambien los comentarios, y por favor dame tu opinión allí mismo.

    Me quedo aqui

    Un saludo afectuoso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francisco lo farò sicuramente....

      Elimina